Dispositivi di sicurezza, Dress & Company, Mascherine Chirurgiche

L’industria tessile e della moda all’epoca del covid-19. Quali le trasformazioni del settore?

macchina industriale mascherine chirurgiche

Il sistema italiano della moda nel 2019 aveva raggiunto ricavi per oltre 90 miliardi di euro, un valore in rialzo dello 0,8 per cento, raggiunto anche grazie alla spinta dall’export (+6,2 per cento a 71,5 miliardi).  Il settore tessile in generale, quello delle confezioni di abbigliamento, anche per conto terzi hanno subito per gli effetti del covid-19 un brusco rallentamento. Le proiezioni di enti ed associazioni di settore riferiscono che il 2020 comporterà una riduzione del fatturato di almeno il 30 per cento e che questa crisi delle imprese della moda prolungherà i suoi effetti negativi anche nel 2021 e nel 2022.

Quali sono  state le misure messe in campo dalle imprese della moda a seguito dell’evoluzione dell’emergenza sanitaria?

La filiera del settore tessile e della moda non si è mai completamente  e in maniera generalizzata fermata. Le aziende hanno continuato, quando potevano farlo per deroga, la loro produzione, interrompendola quando la catena di approvvigionamento e distribuzione delle commesse, specialmente nel comparto del conto terzi, si è fermata.
A questo punto, nonostante l’esigenza di pressanti misure di cautela e protezione dei lavoratori impegnati nella produzione, un significativo segmento del settore ha scelto la strada della riconversione rapida dei processi produttivi, scegliendo la manifattura di dispositivi di protezione: mascherine, ma anche camici, tute da lavoro ed ogni tipo di dispositivo individuale che garantisse sicurezza per chiunque ne avesse necessità, nel mondo del lavoro e nell’intera società italiana.

Quali sono le opportunità di una riconversione industriale del settore tessile?

Il settore tessile, come quello della chimica, è il comparto che ha rappresentato più fiducia, determinazione e operosità in una rapida riconversione della produzione a seguito dell’emergenza sanitaria. Secondo una ricerca di settore sono sei su dieci le imprese della moda e del fashion che hanno scelto la riconversione. Si tratta di aziende che custodivano già una cultura d’impresa, linee di produzione e professionalità interne da adattare a questa nuova esigenza.
In tale quadro di intervento, di strategica importanza è l’attenzione al B2B. L’ottimizzazione del B2B può facilitare i processi di approvvigionamento delle materie prime, garantendo di condividere con il canale distributivo i vantaggi di modelli produttivi più flessibili ed aderenti alla domanda, riducendo i rischi e aumentando la costanza dei flussi di vendita.

    Vuoi acquistare mascherine e tute protettive per la tua attività? Richiedi informazioni tramite il form di seguito e inizia a dominare il mercato dei dispositivi di sicurezza individuale

    Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi del D.lgs 196/2003 e del regolamento UE 2016/679 (GDPR).

    Questo sito è protetto da reCAPTCHA e la Privacy Policy e Terms of Service di Google.